Musei civici di torino



collezioni permanenti € 8 (anziché € 10)

mostre temporanee € 8 (anziché € 10)

ridotto collezioni+mostre € 11 anziché €14

Il MAO - Museo d'Arte Orientale è ospitato nella storica sede di Palazzo Mazzonis (sec. XVIII). Il patrimonio del museo comprende circa 1500 opere, in parte provenienti da collezioni preesistenti in parte acquisite negli ultimi anni.

Il progetto espositivo si articola su cinque aree culturali

Asia meridionale, Cina, Giappone, Regione Himalayana

 e Paesi Islamici suddiviso in altrettanti spazi espositivi comunicanti,

 

MAO - Museo d'Arte Orientale

Via San Domenico, 11 10122 Torino   

Orario

Da martedì a domenica h 10.00-18.00. 

La biglietteria chiude un'ora prima. 

Chiuso lunedì.   

Ingresso

Intero € 10,00   Ridotto  € 8,00 

Il 1° martedì del mese, non festivo, ingresso gratuito.

Informazioni per il pubblico

Tel. 011 4436927 

Biglietteria tel. 011 4429636   

mao@fondazionetorinomusei.it 

www.maotorino.it   


ridotto € 5 (anziché € 6)

ll Borgo Medievale di Torino, inaugurato nel 1884 in occasione dell'Esposizione Generale Italiana, costituisce un esempio di ricostruzione di edifici e decorazioni tardo-medievali condotta con rigorosi criteri filologici. Alla realizzazione del progetto collaborarono intellettuali, storici, artisti e tecnici, sotto il coordinamento dell'architetto Alfredo D'Andrade. Oltre 40 luoghi ispirarono gli ideatori, seguendo le caratteristiche artistiche e architettoniche di costruzioni quattrocentesche del Piemonte e della Valle d'Aosta, alcune delle quali ormai scomparse. 

collezioni permanenti € 8 (anziché € 10)

mostre temporanee € 9 (anziché € 12)

ridotto collezioni+mostre € 12 anziché € 16

Torino fu la prima città italiana che promosse una raccolta pubblica di arte moderna come parte costitutiva del proprio Museo Civico, aperto nel 1863. Le collezioni furono conservate dapprima insieme alle raccolte di arte antica in un edificio presso la Mole Antonelliana.

Nel 1895 furono trasferite in un padiglione prospiciente corso Siccardi (ora Galileo Ferraris), costruito anni prima per una mostra d'arte, ed ivi rimasero fino al 1942. Distrutto tale padiglione durante la seconda guerra mondiale, sul medesimo sito sorse l'attuale edificio progettato da Carlo Bassi e Goffredo Boschetti, che si inaugurò nel 1959. Resosi inagibile all'inizio degli anni Ottanta, l'edificio è stato riaperto al pubblico nel 1993 dopo un profondo rinnovamento. Dal 2003 fa parte della Fondazione Torino Musei. 

Oggi le sue collezioni si compongono oltre 45.000 opere tra dipinti, sculture, installazioni e fotografie a cui si aggiungono una ricca collezione di disegni e incisioni e una tra le più importanti collezioni europee di film e video d’artista. Dalla fine di ottobre 2009 le opere delle collezioni sono esposte secondo 4 percorsi tematici che mutano nel tempo, assicurando al visitatore una sempre nuova scoperta delle collezioni e la possibilità di una rinnovata analisi dei propri capolavori.